Cambiare il mondo della moda è oggi più che necessario. La filiera dell’abbigliamento è il secondo settore più inquinante dopo quello petrolifero ed è teatro di abusi e violenza, tanto che è l’industria maggiormente esposta a forme di schiavitù moderna. Riteniamo fondamentale affrontare queste tematiche sia da un punto di visita sociologico e teorico, sia considerando i risvolti più pratico progettuali per andare a scardinare, ove possibile, dinamiche nocive sia per l’umanità che per il pianeta. 

Per affrontare queste tematiche complesse assieme a Mani Tese si andrà a creare un incontro dove coinvolgere direttamente i partecipanti al fine di rendere tutte e tutti loro partecipi di un processo di cambiamento. 

Per concludere ci sarà la presentazione dei capi OSO- vestire etico e sostenibile. Un brand che racchiude sartorie sociali rendendo sostenibile la produzione di abiti tutelando chi li crea e chi li vende. L’iniziativa fa parte del progetto: OSO- vestire etico e inclusivo 

Prenotazione consigliata: fondazionecortedellemadri@gmail.com – Per informazioni: 3401940459 

Organizzato da: Fondazione Corte delle Madri, in collaborazione con Mani Tese, Rifò-Lab, Progetto OSO- vestire etico e inclusivo